music-1521122.jpeg

ATTENZIONE

Questo sito fa uso esclusivamente di cookie tecnici, ma alcune applicazioni possono prevedere cookie di terze parti.

Proseguendo nella navigazioni acconsenti all'utilizzo di cookie. I dati forniti in questo form saranno tenuti segreti dal titolare del sito e non inviati per nessun motivo a terze parti, anche agli stessi componenti della redazione, senza il consenso dell'interessato. I dati raccolti grazie a questo form non saranno ceduti a terzi nè verranno utilizzati per scopi diversi da quello esclusivo dichiarato dal sito. La redazione si riserva di non rispondere a messaggi di carattere commerciale o che non sono attinenti alla natura del sito. Cliccando sul pulsante "Invia" si autorizza automaticamente il sito musicainopera.com a trattare i dati personali come descritto in questo avviso. Questo secondo la norme vigenti in tema della tutela dei dati personali e della privacy. Per maggiori informazioni: Informativa sulla privacy e informativa cookie

Music and Words

 Here are the articles published in our blog Musica e Parole. By ticking the various years and months you can open the menu from which you can access all the resources available in the section. On the Historical Archive page you will also find this section plus some other resources and links to the site's contents

Madama Butterfly al Regent Theatre di Stoke-on-Trent (Uk) di Kevin De Sabbata

2022-03-04 23:59

Kevin De Sabbata

News, Musicologia generale, Curiosità, opera, lirica, recensione,

Madama Butterfly al Regent Theatre di Stoke-on-Trent (Uk) di Kevin De Sabbata

Una nuova accurata recensione di Kevin De Sabbata questa volta nostro corrispondente dal Regent Theatre di Stoke-on-Trent in Gran Bretagna. Buona lettura

 

 

 

 

 

 

 

 

 

MADAMA BUTTERFLY

tragedia giapponese in tre atti di Giacomo Puccini

su libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa

 

il libretto è basato sulla tragedia giapponese in un atto Madame Butterfly di David Belasco e sulla novella Madame Butterfly di John Luther Long

 

Direttore: Vasyl Vasylenko

Regia, scene e costumi: Ellen Kent

Personaggi e interpreti

Cio-Cio-San: Alyona Kistenyova

Suzuki: Maria Davydova

B. F. Pinkerton: Vitalii Liskovetskyi

Sharpless: Vladimir Dragos

Goro: Ruslan Pacatovici

Lo zio Bonzo: Valeriu Cojocaru

Il Commissario Imperiale: Vitalii Cebotari

Il Principe Yamadori: Vitalii Cebotari

Kate Pinkerton: Anastasiia Blokha

Figlio di Cio-Cio-San (Dolore): Felicity Reid

Luci: Valeriu Cucarschi

Maestro del Coro: Victor Donos

 

La maggior parte dei lettori non avrà probabilmente mai sentito parlare del Regent Theatre di Stoke-on-Trent (Regno Unito). Il teatro si trova nelle West Midlands inglesi, a metà strada fra Birmingham e Manchester, in una città dal glorioso passato industriale (molte delle porcellane inglesi che le nostre nonne avevano in casa vengono da qui) e ora in declino. Il bell’edificio teatrale, risalente al 1929, ospita spettacoli di varia natura, dal melodramma ai musical, dal cinema al teatro di prosa e alla stand up comedy, fino ai concerti di musica folk, proponendo eventi culturali e performance dal vivo in una zona in cui le occasioni di questo tipo sono molto più rare che nei grandi centri.

Qui è andata in scena qualche giorno fa una piacevole produzione di Madama Butterfly che, in coincidenza con i recenti avvenimenti internazionali, ha assunto anche una forte carica emotiva e politica, visto che la maggior parte del cast era di nazionalità ucraina. Lo spettacolo era prodotto dalla compagnia d’opera dell’impresaria e regista inglese Ellen Kent, che da quasi trent’anni propone allestimenti itineranti dei più popolari capolavori del repertorio operistico che toccano i più svariati angoli del Regno Unito e della Repubblica d’Irlanda. Questa produzione della Butterfly pucciniana si inserisce, insieme a Carmen e Tosca, nella tournée 2022 della compagnia e, dopo aver già toccato, fra le altre, Blackpool, Sheffield, Portsmouth e York, potrà essere vista nelle prossime settimane, solo per citare le tappe principali, a Hull, Brighton, Wimbledon, Leicester, Manchester e Edimburgo.

Coerente con la cifra stilistica che la contraddistingue, Ellen Kent, che cura la regia, scene e costumi di tutti i suoi spettacoli, proponeva una messa in scena classica, elegante, esteticamente appagante, con la casetta ‘a soffietto’ stile giapponese, gli ombrellini, i kimono, le geishe, i fiori e tutto quello che uno si aspetta da Madama Butterfly. A qualcuno sarebbe potuta sembrare eccessivamente oleografica e certamente la produzione non poteva contare sullo spiegamento di uomini e mezzi a disposizione dei grandi teatri stabili, dovendo anche tenere conto delle limitazioni logistiche tipiche degli spettacoli itineranti.

Tuttavia, la scena era allestita con gusto, anche grazie alle luci di Valeriu Cucarschi, ed è stato un piacere godere per una volta di una produzione che rispettava filologicamente lo stile, l’atmosfera e l’estetica originali, tanto che viene quasi da augurarsi che i teatri più blasonati prendano umilmente esempio dalle compagnie di provincia, invece di ingaggiare a tutti i costi registi à la page che, anche con scarsa consapevolezza e conoscenza del libretto e dello spartito, si impelagano in riletture improbabili e talvolta perfino brutte, che ostacolano la comprensione dell’opera invece di agevolarla.

Note purtroppo meno positive per la direzione musicale di Vasyl Vasylenko. L’Orchestra dell’Opera e del Balletto Nazionale Ucraino di Kiev esprimeva un suono piacevole e compatto. Tuttavia, la direzione risultava da un lato imprecisa, con frequenti scollamenti fra buca e palco, dall’altro spesso metronomica e asettica, con pochi colori e variazioni agogiche. I cantanti non erano ben accompagnati ed apparivano spesso in difficoltà per l’inflessibilità del direttore e i tempi troppo sostenuti staccati nelle arie, non avendo il tempo non solo di distendersi nei necessari rallentandi nei momenti di maggior lirismo e drammaticità, ma a volte neppure di prendere fiato. Così, alcuni dei pezzi più amati, come le romanze Un bel dì vedremo e Addio fiorito asil o il Coro a bocca chiusa, perdevano molto della loro naturale bellezza e suggestione. Nonostante questo, il coro, diretto da Victor Donos e composto da sette voci maschili e tredici femminili, dava buona prova di sé, esprimendo un suono solido e interventi sempre incisivi.

 

Per quanto riguarda i solisti, Alyona Kistenyova era una Cio-Cio San dalla voce limpida, l’emissione fluida, la spiccata musicalità e con buone qualità interpretative. Elegante e misurata, trasmetteva in modo mai affettato o artificiale tutte le sfumature del personaggio di Butterfly, dall’innocente civetteria ed ingenuità dei primi due atti, alla tragica ed adulta disperazione del finale. Da apprezzare i filati e la dovizia di colori, anche se nella zona acuta risultava a volte meno travolgente di quanto ci si potrebbe aspettare. Accanto a lei, si segnala l’ottima prestazione di Maria Davydova nel ruolo di Suzuki. Dotata di una voce scura, importante, sensuale ed omogenea, di una solida tecnica e di grande temperamento, il mezzosoprano regalava la miglior interpretazione della serata. Tutti i suoi interventi erano incisivi e ben cantati. Il duetto Scuoti quella fronda di ciliegio… Tutti i fior è risultato forse il momento migliore della recita.

Benjamin Franklin Pinkerton era Vitalii Liskovetskyi, alla fine fatto oggetto di ‘buh’ da parte del pubblico, anche se probabilmente le contestazioni non erano per lui ma piuttosto per il personaggio; i pubblici inglesi fanno spesso fatica a trattenere il proprio disappunto per l’egoista e maschilista tenente della marina americana, un altro segno di quanto quest’opera ponga ancora temi e spunti di riflessione quanto mai attuali. Comunque, il tenore ucraino possiede una buona voce lirico-spinta e un bel timbro nella parte medio bassa. Tuttavia, i suoni di passaggio risultavano schiacciati e nasali, e gli acuti suonavano piuttosto ingolati. Ad ogni modo, la recitazione appariva buona e il risultato finale era comunque sufficiente. Il duetto Bimba dagli occhi pieni di malìa era eseguito con giusta intenzione da entrambi gli interpreti e le voci erano ben amalgamate, riuscendo, nonostante alcune rigidità della direzione musicale, a trasmettere il fascino di questa bellissima e celeberrima pagina pucciniana. Vladimir Dragos, nel ruolo di Sharpless, poteva contare su una voce importante dal solido colore baritonale, una tecnica corretta e una buona presenza scenica. Tuttavia, il fraseggio risultava poco elegante, la pronuncia italiana a volte approssimativa ed era spesso in ritardo rispetto all’orchestra. Molto buona la prestazione di Valeriu Cojocaru nel ruolo del Bonzo. Egli si distingueva sia per presenza vocale che scenica, dispiegando, nel rinnegare Cio-Cio-San, tutta la veemenza necessaria. Molto meno buona la prova di Ruslan Pacatovici come Goro, la cui voce risultava piuttosto piatta e nasale, con un vibrato spesso fastidioso. Egli appariva spesso fuori sincrono con l’orchestra e a tratti difficilmente intelligibile per via della dizione molto imprecisa. Adeguato Vitalii Cebotari nei panni sia del principe Yamadori che del Commissario Imperiale (sic). Insufficiente Anastasiia Blokha come Kate Pinkerton, a tratti inudibile. Puntuale e attenta Felicity Reid nel ruolo del figlio di Butterfly e Pinkerton (Dolore). Lo zio Yakusidé, l’ufficiale del registro, la madre, la cugina e la zia di Cio-Cio-San erano tutti ben interpretati da membri del coro purtroppo non citati in locandina. A questo proposito è da stigmatizzare il fatto che gli artisti del coro e gli orchestrali non erano in alcun modo menzionati nel programma di sala. Questi professionisti, che svolgono un lavoro egregio, spesso nell’ombra, meritano di essere sempre ricordati individualmente.

 

Alla fine, applausi e successo per tutti (al netto dei ‘buh’ a Pinkerton), da parte di un pubblico purtroppo non numeroso che, nonostante la popolarità del titolo, riempiva neanche metà della grande sala (ma bisogna tener conto che non siamo in Italia né a Londra, i gusti qui sono diversi). Grande emozione quando, alla fine dello spettacolo, l’orchestra e i cantanti hanno eseguito l’inno Ucraino, con bandiera e pubblico commosso e tutto in piedi in segno di solidarietà. Del resto l’Arte, per quanto alta e trascendente, è parte integrante della storia e delle vicende degli uomini e da queste difficilmente può rimanere immune.

 

La recensione si riferisce alla rappresentazione del 27-02-2022.

 

Kevin De Sabbata

(02-03-2022)

 
production-house.jpeg
production-flowers.jpeg
production-death.jpeg
1646073696401.jpeg
blogmusica-e-parole

News, Musicologia generale, Storia della Lirica, Interviste, Interviste artisti, opera, intervista, puccini,

"Le Interviste del Loggione" 2024 - Serie Pucciniana - Intervista ad Emiliano Sarti, musicologo

Admin

2024-04-19 23:34

Intervista al musicologo Emiliano Sarti per la nuova serie detta "Pucciniana" delle Interviste del Loggione

Don Giovanni - spettacolo in prosa irriverente in scena allo spazio Balabìott di Pisa
News, Curiosità, Teatro, news, teatro, prosa,

Don Giovanni - spettacolo in prosa irriverente in scena allo spazio Balabìott di Pisa

Admin

2024-04-12 03:41

Sabato 13 e domenica 14 in scena allo spazio Balabìott di Pisa la rilettura in prosa di Don Giovanni di Annalisa Pardi

Musicologia generale, Interviste artisti, Curiosità, opera, intervista,

"Le Interviste del Loggione" 2024 - Intervista al M° Panico e al M° Samale - Serie "Musica contemporanea"

Admin

2024-04-11 23:32

L'intervista al M° Mariano Panico e al M° Nicola Samale per Le Interviste del Loggione 2024

Danielle De Niese, dal Barocco a Broadway - Recensione di Kevin De Sabbata
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Danielle De Niese, dal Barocco a Broadway - Recensione di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2024-04-03 23:46

La recensione di Kevin De Sabbata del bel concerto di Danielle De Niese alla Symphony Hall. Buona lettura

Nabucco al Verdi di Trieste - Recensione di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Nabucco al Verdi di Trieste - Recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2024-03-29 02:08

La recensione del Nabucco in scena al Teatro Verdi di Trieste. A cura di Gianluca Macovez

Ascolti per la Settimana Santa di Pasqua - Anno 2024
News, Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, news, Curiosità,

Ascolti per la Settimana Santa di Pasqua - Anno 2024

Admin

2024-03-27 03:16

Il consueto articolo pasquale per farvi gli auguri in musica, Buona Pasqua a tutti!

Al soprano Donata D'Annunzio Lombardi il
News, Curiosità, opera, premio,

Al soprano Donata D'Annunzio Lombardi il "Premio Donna è Lirica" 2024. Stasera la premiazione

Admin

2024-03-23 17:43

.    Edizione speciale del Premio Donna È 2024 a Casciana Terme; quest’anno l’ Associazione Idee in Movimento (tutta al femminile) compie 20 anni.Un p

Il soprano Danielle de Niese questa settimana in concerto a Birmingham - di Kevin De Sabbata
News, Curiosità, opera, news,

Il soprano Danielle de Niese questa settimana in concerto a Birmingham - di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2024-03-20 01:58

Il nostro corrispondente dall'Inghilterra Kevin De Sabbata ci invita ad assistere a un importante concerto del soprano Danielle de Niese vicino a Londra

Al via le iscrizioni per il 21° Concorso internazionale
News, Curiosità, opera, lirica, concorso,

Al via le iscrizioni per il 21° Concorso internazionale "Luigi Zanuccoli"

Admin

2024-03-18 12:13

Da alcuni giorni è possibile iscriversi al 21° concorso internazionale L. Zanuccoli. Presidente di giuria il baritono Bruno De Simone

Gli ottant'anni di Sir Karl Jenkins - Articolo di Kevin De Sabbata
Musicologia generale, Storia della Lirica, Curiosità, musica, musicologia,

Gli ottant'anni di Sir Karl Jenkins - Articolo di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2024-03-16 18:51

Omaggio del nostro collaboratore Kevin De Sabbata a uno dei più grandi compositori del nostro tempo

Un'applauditissima
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Un'applauditissima "Ariadne auf Naxos" al Verdi di Trieste - Recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2024-03-03 01:31

Successo della Arianna a Nasso di Strauss presso il Teatro Verdi di Trieste - recensione di Gianluca Macovez

Première dell'opera Justice di Hèctor Para al Grand Théâtre di Ginevra - Recensione di Antonio Indaco
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Première dell'opera Justice di Hèctor Para al Grand Théâtre di Ginevra - Recensione di Antonio Indaco

Antonio Indaco

2024-02-09 23:02

La recensione del nostro corrispondente Antonio Indaco della prima rappresentazione assoluta dell'opera Justice di Para a Ginevra

Anna Bolena a Trieste: un incontro di grandi voci - Recensione di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Anna Bolena a Trieste: un incontro di grandi voci - Recensione di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2024-02-02 02:46

La recensione di Gianluca Macovez dell'Anna Bolena al Verdi di Trieste

Il Barbiere di Siviglia a Tempio Pausania - Recensione di Loredana Atzei
Musicologia generale, Curiosità, Recensioni, opera, recensione,

Il Barbiere di Siviglia a Tempio Pausania - Recensione di Loredana Atzei

Loredana Atzei

2023-12-28 12:50

La nostra corrispondente Loredana Atzei ci parla del successo ottenuto dalla ripresa di Barbiere di Siviglia andata in scena al Teatro di Tempio Pausania

Tantissimi auguri di buone feste... in Musica (anno 2023)
News, Musicologia generale, Curiosità, musica, news,

Tantissimi auguri di buone feste... in Musica (anno 2023)

Admin

2023-12-23 13:04

I tradizionali auguri in musica del gruppo L'Opera Lirica dal Loggione & Musica in Opera. Buone feste a tutti!!!!

Concerto di San Silvestro al Giovanni da Udine con la Strauss Festival Orchester Wien
News, Musicologia generale, Curiosità, news, concerto,

Concerto di San Silvestro al Giovanni da Udine con la Strauss Festival Orchester Wien

Admin

2023-12-22 19:43

Concerto di San Silvestro al Teatro di Udine. Solista il soprano Yutong Shen.

Dodici anni dopo di Menicagli, il sequel di Cavalleria Rusticana diventa un film - di Fulvio Venturi
News, Musicologia generale, Teatro, Recensioni, opera, news, film,

Dodici anni dopo di Menicagli, il sequel di Cavalleria Rusticana diventa un film - di Fulvio Venturi

Fulvio Venturi

2023-12-22 19:25

Il sequel di Cavalleria Rusticana diventa un film, che è stato proiettato con successo in anteprima a Livorno. Ce ne parla Fulvio Venturi

‘Parole di Donne’ a Londra con Natalie Dessay - Recensione di Kevin De Sabbata
Musicologia generale, Storia della Lirica, Recensioni, opera, concerto,

‘Parole di Donne’ a Londra con Natalie Dessay - Recensione di Kevin De Sabbata

Kevin De Sabbata

2023-12-10 16:26

Bellissimo intimo concerto del grande soprano Natalie Dessay a Londra. Ce ne parla il nostro inviato Kevin De Sabbata

Al baritono Alessandro Luongo il Premio Speciale 2023 al 67° Premio Letterario Pisa. Un riconoscimento anche alla Fondazione Cerratelli
News, Curiosità, opera, news,

Al baritono Alessandro Luongo il Premio Speciale 2023 al 67° Premio Letterario Pisa. Un riconoscimento anche

Admin

2023-11-17 20:55

Premio Speciale al baritono Alessandro Luongo, riconoscimenti importanti anche per la Fondazione Cerratelli e allo storico Fulvio Venturi al 67° Premio Pisa

I cent'anni di Victoria de los Angeles - di Gianluca Macovez
Musicologia generale, Storia della Lirica, Recensioni, opera, recensione,

I cent'anni di Victoria de los Angeles - di Gianluca Macovez

Gianluca Macovez

2023-11-04 01:55

I cento anni della nascita del grande soprano Victoria de los angeles celebrati al Teatro di Udine. Resoconto di Gianluca Macovez

Here are the articles published in our blog Musica e Parole. By ticking the various years and months you can open the menu from which you can access all the resources available in the section. On the Historical Archive page you will also find this section plus some other resources and links to the site's contents

The 10 most read articles

Create Website with flazio.com | Free and Easy Website Builder